top of page
Cerca
  • Tommaso Sattin

Burpees!

Aggiornamento: 10 gen 2021


Negli ultimi anni, con la crescita dell’allenamento funzionale, troviamo nella maggior parte dei workout questi particolari esercizi, tanto amati quanto odiati...


Inizialmente utilizzati negli anni 30 per testare i livelli di preparazione dei militari, oggi sono diventati parte costituente di allenamenti e programmi, ma scopriamo cosa sono esattamente!


Il BURPEES prevede un movimento ciclico, che consiste nell’accovacciarsi appoggiando le mani al terreno, stendere all’indietro le gambe con un balzo, appoggiare completamente il petto a terra, tornare in posizione accovacciata con un altro balzo, e terminare con un salto a braccia alte.


Ecco quali sono (a mio avviso) i punti di forza di questo fantastico esercizio.


TRASFERIBILITA':

si tratta appunto un movimento funzionale-coordinativo, naturale, che non isola il lavoro ad un determinato distretto muscolare, è possibile infatti scomporlo in 3 sottomovimenti (partendo dal basso): staccarsi da terra con il movimento dei push-up, sollevarsi con quello dello squat, staccarsi dal pavimento con quello del salto; un unico movimento globale, multiarticolare, che simula gesti quotidiani e ci allena in tal senso (sollevarsi da terra dopo una caduta, accovacciarsi per raccogliere un oggetto, superare una pozzanghera con un balzo...).


EFFICIENZA:

è un esercizio ad altissima intensità, che coinvolge ampie catene cinetiche ed alterna fasi orizzontali a fasi verticali, tutti elementi che concorrono a renderlo una sequenza motoria veramente intensa: il cuore in breve tempo raggiunge alte frequenze, e l’utilizzo simultaneo di grandi gruppi muscolari permette un’innalzamento del metabolismo basale, ecco spiegato perchè sono così gettonati negli allenamenti ad intervalli (i famosi HIIT, che stanno spopolando).


PRATICITA':

completamente a corpo libero, praticabile ovunque, non necessita di lunghi allenamenti perché innalza molto rapidamente il battito cardiaco.


POSSIBILITA' DI VARIAZIONI:

se avete raggiunto un buon livello di allenamento, ma proprio non ce la fate ad abbandonare questo splendido esercizio , avete la possibilità di aumentarne ulteriormente l’intensità ed efficienza.. una prima variazione è quella di effettuare il movimento in tre tempi anzichè in quattro, quindi portare i piedi indietro simultaneamente all’accosciata, riducendone il tempo di esecuzione; altro tipo di variazione sono i Burpees-Jump, in cui nel salto si sale sopra un box, o si salta un’ostacolo (attenzione, soprattutto quando siete stanchi, bisogna avere ottima padronanza del proprio corpo e altrettanta coordinazione..), altro spunto che mi sento di darvi per completare questo breve excursus di varianti, sono i Burpees-Pull Up (prevedono di posizionarsi al di sotto di una sbarra per trazioni), in cui nella fase ascendente del salto, si afferra la sbarra e si termina il movimento con un Pull up dinamico.


Amici, spero di avervi dato utili informazioni!


...buoni BURPEES a tutti!!!


Dott. Tommaso Sattin



208 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page